Gaye Su Akyol

(Turchia)

Gaye Su Akyol (Turchia)

Dopo l’ottimo “Hologram Imparatorluǧu”, seconda prova solista della cantante Gaye Su Akyol, pubblicato a Novembre 2016 dalla sempre attivissima Glitterbeat Records e che ha fatto seguito al debutto di “Develerle Yaşıyorum”, la cantante turca pubblicherà nei prossimi mesi un nuovo album dal titolo “İstikrarlı Hayal Hakikattir”. C’è grande curiosità intorno al nuovo lavoro, visto il credito guadagnato con il precedente (ottimamente accolto dalla critica e che ha portato Gaye Su Akyol ad esibirsi nei migliori festival internazionali).
Mescolando echi della tradizione turca con la psichedelia e alternative rock, Gaye Su Akyol ha dato vita alla sua personale visione di Anatolian Rock.
In “Hologram Imparatorluǧu” , che tradotto vuol dire letteralmente “Il mondo degli ologrammi”, la rocker turca racconta la sua terra con pungente sarcasmo mescolando temi tradizionali come l’amore, a riflessioni a sfondo sociale, come lei stessa afferma in una recente intervista: “La politica mondiale è diventata tanto assurda che a volte mi trovo a chiedermi se tutto ciò possa essere reale, o se sia solo una bizzarra realtà alternativa”.
Nelle sue canzoni, dunque, si intrecciano reale e fantastico, scenari apocalittici e spaccati immaginari, quasi a rimarcare il legame della sua musica con le arti visive, avendo scoperto la sua natura di artista nell’atelier del padre pittore, per approdare in seguito al rock.
Ferzan Ozpetek, (regista turco naturalizzato italiano) già noto per “il Bagno Turco, Le Fate Ignoranti, La Finestra di Fronte, ecc. ha invitato Gaye Su Akyol a partecipare alla realizzazione della colonna sonora di Rosso Istambul (2017) con il brano Kırmızı Rüyalar – che sonorizza anche il trailer originale

In Collaborazione con l’Associazione culturale NoArte-PaeseMuseo

“Intricati ritmi del Medio Oriente, archi ondeggianti e chitarre surf-rock, una fusione derivata dal suo amore per star turche come Selda Bagcan e internazionali come Grace Slick e Nirvana. Il nuovo suono di Istanbul.” – The Observer.

“La cantante turca Gaye Su Akyol è emersa alla ribalta della scena musicale, rivitalizzata negli ultimi anni, del suo paese . Il suo nuovo album mescola modalità turche e scale grunge, surf rock e psichedelia.” Voto 7,4! – Pitchfork

“Gaye Su Akyol interpreta le lente e ritmate melodie dell’arabesque con la sua voce roca trasformandole in un trip psichedelico anni Settanta dentro a un bar fumoso.” – Noisey

“Un viaggio musicale che parte dalle sponde del Bosforo, terra per secoli ponte fra Oriente e Occidente, per poi allargarsi a una proposta ampia, viva e in grado di parlare il linguaggio universale della musica.” Voto 8! – Distorsioni.net

“Mentre la Turchia sembra tornare indietro nel tempo, la sua scena musicale prosegue senza sosta il suo cammino regalandoci belle sorprese come la Gaye Su Akyol.” – Blogfoolk

“Un viaggio elettroacustico tra sensuali e melismatiche melodie turche e sferzanti ritmi e sonorità rock… da ascoltare” – MusicheParole

 followusisole-fb isole-twit isole-youtube isole-gplus isole-instagram