Laboratori a misura di bambini e ragazzi

Ideati e a cura di Alessandra Angeli

 “Isole che Parlano … ai bambini”


Laboratori a misura di bambini e ragazzi
Ideati e a cura di Alessandra Angeli

Polo Culturale Montiggia

Dal 7 al 9 settembre
dalle 09.30 alle 12.30



 

I laboratori a misura di bambini e ragazzi quest’anno partono dalla nostra casa, la nostra isola, il nostro oggetto preferito per scoprire cosa c’è dentro, cosa c’è sotto, sopra, intorno.

Un nuovo viaggiare tra case e isole per scoprire racconti, immagini in movimento, corpi, mappe.

 

 

 

Come Iscriversi ai laboratori

Come funziona…quando, dove, come!

I laboratori in questa XIX edizione del festival, sono tre:

 

1) Oggetti di Vita
burattino-pentolaLaboratorio teatrale a cura di Maurizio Mantani FéMA TEATRO

(partecipanti di età compresa fra 6 e 8 anni)

 

Fin dalla notte dei tempi uomini e donne cercano di rappresentare per sé e per gli altri il mondo.
E fin dalla notte dei tempi gli esseri umani si scontrano con i propri limiti.

 

Il linguaggio dei burattini mette in contatto con questa che è storia antichissima e da sempre risponde, insieme a tanti altri linguaggi, alla necessità dell’uomo di comunicare domande o certezze: lo chiamiamo raccontare.
Diverse sono le testimonianze di costruzione di fantocci, bambole e burattini anche nelle condizioni più estreme. La semplicità della loro realizzazione consente di far uso delle poche cose che si hanno a disposizione, che così prendono vita. Lungo questa pista proponiamo così questo laboratorio che si collega al tema delle ‘povere cose’ da usare per dar vita a nuovi burattini e nuove storie.
All’interno delle nostre case, in sala o in cucina,c’è sempre un oggetto che ci piace particolarmente, a cui siamo affezionati, che non è una bambola ma piuttosto uno scola pasta o un tubicino. Portalo con te in laboratorio e proviamo a dargli un’altra vita e trasformarlo per raccontare.

 


 

2) SOTTO
    logo pinac —————
     SOPRA

Tutte le isole ci nascondono qualcosa
Laboratorio di cinema d’animazione di Vincenzo Beschi e Irene Tedeschi

in collaborazione con Fondazione PInAC
(partecipanti di età compresa fra 8 e 11 anni)

 

L’isola è un lembo di terra emersa interamente circondata dalle acque. I pesci, i palombari, i grandi mammiferi marini credono di sapere cosa c’è sotto il pelo dell’acqua, ma solo chi fa un cartone animato ne conosce i segreti paesaggi sommersi. Se in superficie le isole all’apparenza sono immobili nella parte sommersa si possono scoprire tutta una serie di collegamenti, movimenti, contatti, messaggi che in maniera del tutto naturale mettono in relazione un’isola con un’altra. Attraverso lo stop-motion e la tecnica del decoupage (carta ritagliata) sotto e sopra le isole potranno parlare tra di loro.
Nel laboratorio di cinema d’animazione i partecipanti, attraverso un’esperienza ludica e coinvolgente che lascia ampio spazio alla creatività e all’immaginazione, costruiranno le loro isole di carta svelando allo spettatore cosa c’è sotto e avranno modo di sperimentare in prima persona le varie fasi della realizzazione di un piccolo cartone animato.

«La democrazia dipende dalla partecipazione attiva dei cittadini alla vita della comunità e l’alfabetizzazione mediatica fornisce le competenze di cui hanno bisogno per dare un senso al flusso quotidiano di informazioni diffuse tramite le nuove tecnologie di comunicazione»

Dalla Raccomandazione della Commissione Europea sull’alfabetizzazione mediatica nell’ambiente digitale

 


 

3) Antimap Lab

carboni_toolkit

pratiche esplorative e mappature urbane
laboratorio ideato e a cura di Alessandro Carboni
(partecipanti a partire dai 12 anni)

 

Anti Map Lab è un laboratorio interdisciplinare dedicato alle pratiche performative di esplorazione e mappatura urbana. Lo scopo del laboratorio è di fornire ai partecipanti una strategia e maggiore consapevolezza della citta’ su ciò che è veramente essenziale per descrivere un contesto urbano. Le piazze, le strade, le case, gli abitanti verranno ‘mappati’ attraverso il metodo Em:toolkit di mappatura urbana ideato da Alessandro Carboni.

L’approccio performativo del toolkit è una combinazione di diverse pratiche prese in prestito dalle arti visive, dalla fotografia, dal video, dal parkour e dalla performance.
Dopo una serie di esplorazioni ed incursioni urbane, i partecipanti realizzeranno una azione-performativa collettiva di mappatura urbana, che verra’ presentata al pubblico al termine del laboratorio.

Come Iscriversi ai laboratori

Come funziona…quando, dove, come!

LE ISCRIZIONI SARANNO APERTE
DAL 31 AGOSTO FINO AD ESAURIMENTO POSTI

 followusisole-fb isole-twit isole-youtube isole-gplus isole-instagrampinterest-icon

CHIUDI
CLOSE