Mercoledì, 23 Luglio, 2014
   
testo

Violons Barbares

ViolonsBarbares-PhotoSimonFrey Violons Barbares
Dimitar Gougov gadulka, chant
Dandarvaanchig Enkhjargal morin khoor, chant diphonique
Fabien Guyot percussions, chant

 

Deux violons extraordinaires et des percussions tout aussi singulières…une musique étrange, fascinante, remplie d’énergie, d’inspiration folk et pourtant résolument contemporaine!”. DNA

Violons barbares: che nome inquietante! Ma dal momento in cui il trio entra in azione, l’ascoltatore si lascia tarsportare da melodie arcaiche, ritmi che ci trascinano con leggerezza al galoppo, voci maestose e gutturali.
Violons Barbares nasce dall’incontro tra i due ‘arceri’ Dandarvaanchig Enkhjargal (Mongolia) e Dimitar Gougov (Bulgaria), e il percussionista Fabien Guyot (France).
Enkhjarga suona il Morin Khoor - strumento ad arco a due corde, vero e proprio simbolo della tradizione musicale mongola, con una paletta ornamentata con una testa di cavallo - Gougov la gadulka - parente stretto della lira, suonato verticalmente come una viola da gamba, composto da tre corde per la tessitura melodica e 11 corde che vibrano per simpatia.
Le tempestose e travolgenti archettate, sono sostenute dal percussionista, che utilizza qualsiasi oggetto rubato al quotidiano capace di emettere un suono, arricchendo il tutto con un set basato su uno strumentario africano, magredbino, latino americano. I

l trio interpretata meravigliosamente una musica che ci trasposta tra le lande di un originale rock barbaro tutto in acustico cantato in bifonia: imperdibile!

 

Violons Barbares vedi video

www.myspace.com/violonsbarbares

www.violonsbarbares.com