Isole che Parlano ...di fotografia

Cristina Garcia Rodero (Spagna)

giovedì 7 settembre

ore 21,00
Centro di Documentazione del Territorio
via Nazionale 113, Palau

Con la boca abierta
di Cristina Garcia Rodero
inaugurazione mostra fotografica

 

ore 22,00 
Cine Teatro Montiggia
via Nazionale 113, Palau

Riflessioni sull’etica di un mestiere
Cristina Garcia Rodero si racconta
lezione/incontro con la fotografa

 

 

Dopo le mostre di alcuni grandi maestri – tra cui Mario Dondero, Letizia Battaglia, Romano Cagnoni, Francesco Cito – e dei reporter delle nuove generazioni – tra cui Alessandro Penso, Alfredo Bini e Mattia Insolera – quest’anno Isole che Parlano presenta Con la boca abierta di Cristina Garcia Rodero.


L’esposizione, realizzata in collaborazione con l’Instituto Cervantes, il CEART Fuenlabrada e Ogros fotografi associati, sarà ospitata negli spazi del Centro di documentazione del territorio di Palau dove verrà inaugurata il 7 settembre alle 21.00 e resterà aperta fino al 30 settembre 2017 (dal lunedi al sabato h 10,00 / 12,00 – 17,00 / 20,00)

“Ho cercato di fotografare l’anima misteriosa, vera e magica della Spagna popolare in tutta la sua passione, amore, umorismo, tenerezza, rabbia e dolore, in tutta la sua verità raccontando i momenti pieni ed intensi nella vita di personaggi così semplici e irresistibili, come fosse una sfida personale nella quale ho investito tutto il mio cuore”

Cristina Garcia Rodero

© Cristina Garcia Rodero / Magnum Photos / Contacto - Cruz de mayo Berrocal Huelva 1998

© Cristina Garcia Rodero / Magnum Photos / Contacto – Cruz de mayo Berrocal Huelva 1998

Con la boca abierta è un’ampia retrospettiva dedicata alla fotografa spagnola che presenta un nucleo di 55 fotografie in bianco e nero realizzate dagli anni Settanta a oggi, il cui filo conduttore, come recita il titolo, è quello del gesto della bocca aperta: donne, uomini e bambini colti in stati d’animo differenti e ritratti in un gesto che diventa, secondo Rodero, espressione di tutti i sentimenti umani. La quantità di scatti fotografici che la fotografa spagnola realizza nei suoi reportage è così estesa che, presto o tardi, nei suoi negativi appaiono personaggi che sbadigliano, gridano, esprimono stupore, ridono a crepapelle, sono trasfigurati da una smorfia di dolore e così via: infinite varianti, che ci lasciano a nostra volta “a bocca aperta”. Il filo conduttore dell’esposizione ci accompagna in una passeggiata nei quarant’anni di carriera della Rodero, a partire dai luoghi più prossimi alla sua Puertollano, il suo paese natio, fino a quelli più remoti del globo, passando per eventi come il Burning man Festival del Nevada o la Love Parade in Germania. Le immagini ci guidano in un flusso emotivo che ora assume tratti di carattere etnografico e rurale, ora sposa i linguaggi dell’avanguardia e racconta la poetica di una delle più importanti fotografe europee. Se da un lato una mostra è ciò che segue il reportage, ossia la trasmissione stampata dell’informazione di quanto “vissuto e registrato” dal fotografo, dall’altro esiste la funzione pedagogica del fare fotografia. Quest’aspetto didattico-educativo costituisce un’opportunità per far riflettere il pubblico e in particolare i giovani e i bambini, su alcune tematiche di attualità.

 

maggiori informazioni su Cristina Garcia Rodero

ANTEPRIMA DELLA MOSTRA “Con la boca abierta”:

 

 

 

SCHEDA TECNICA:

Titolo Con la boca abierta. Fotografie di Cristina Garcia Rodero Nell’ambito di Isole che Parlano. Festival internazionale – XXI edizione
Periodo 7 – 30 settembre 2017
Luogo Centro di documentazione del territorio, Palau (OT)
Ingresso gratuito
Organizzazione Associazione Sarditudine
In collaborazione con Instituto Cervantes
CEART Fuenlabrada

Ogros fotografi associati

 

Istituto CervantesCeart FuenlabradaOgros Fotografi Associati

 followusisole-fb isole-twit isole-youtube isole-gplus isole-instagram